Vendite intracomunitarie e introduzione dello Sportello Unico OSS

Dal 1 luglio 2021 è entrata in vigore una grande riforma dell’IVA in Europa che introduce importanti cambiamenti soprattutto per chi opera online e vende i propri prodotti all’estero.

1 La tassazione delle vendite intracomunitarie

Per quanto riguarda le vendite intracomunitarie (ovvero quelle tra 2 paesi membri dell’UE) la giurisdizione territoriale è applicabile nel paese di partenza della spedizione per i venditori che hanno i seguenti requisiti:

  1. i propri prodotti sono stoccati in un solo paese europeo
  2. non è stata superata nell’anno in corso la soglia unica di 10.000€

Dal momento in cui viene perso uno dei 2 requisiti sarà necessario applicare e versare l’IVA del paese di destinazione per tutte le proprie vendite in Europa. Per avere maggiori dettagli riguardo la giurisdizione territoriale delle vendite puoi leggere questo articolo link.

2 Stoccaggio in più paesi

Se stocchi la tua merce in magazzini dislocati in più di un paese europeo, come ad esempio i venditori che aderiscono al programma paneuropeo di Amazon, dal 1 luglio 2021 perdi automaticamente il primo dei requisiti e quindi dovrai applicare la tassazione a destino. Rimane l’obbligo di aprire una posizione fiscale in ogni paese nel quale viene stoccato il tuo inventario.

3 La soglia unica

Dall’entrata in vigore della nuova normativa non vengono più applicate le vecchie soglie di protezione per i singoli paesi Europei (dai 35.000€ ai 100.000€), ma è stata introdotta una soglia unica di 10.000€.

Concorrono a questa soglia tutte le vendite intracomunitarie verso clienti privati.

Bisogna notare che anche le vendite verso i paesi ove hai aperto una posizione fiscale possono concorrere alla soglia nel caso in cui la spedizione parta da un paese differente.

4 Aderire al regime OSS

Per agevolare il versamento dell’IVA in tutti i paesi Europei è stato introdotto lo sportello One Stop Shop. Aderendo al regime OSS non sarà necessario aprire una P.Iva ed effettuare una dichiarazione in ogni paese dove vengono effettuate delle vendite, ma sarà sufficiente presentare un’unica dichiarazione nel proprio paese di residenza. Lo sportello si occuperà di distribuire gli importi IVA dovuti ai paesi di competenza.

Se hai perso i requisiti ai punti 1) e 2), non aderire al regime OSS vorrà dire che dovrai registrarti fiscalmente ed effettuare una dichiarazione IVA in ognuno dei paesi verso cui spedisci i tuoi prodotti.

5 Adesione volontaria

E’ possibile aderire al nuovo regime OSS anche senza aver perso i requisiti dei punti 1) e 2). Essendo l’Italia uno dei paesi con aliquote IVA più alte d’Europa questa soluzione potrebbe essere vantaggiosa. Bisognerà valutare se il risparmio ottenuto con l’applicazione di aliquote IVA più basse è superiore agli oneri da sostenere per la presentazione delle dichiarazioni OSS trimestrali.

6 Posizioni fiscali estere

Nel momento in cui aderisci al nuovo regime tutte le vendite intracomunitarie dovranno essere dichiarate tramite l’OSS, e non sarà possibile includerle nelle dichiarazioni IVA del paese.

Ad esempio avendo una P.Iva tedesca le vendite nazionali andranno in dichiarazione IVA, mentre le vendite provenienti da altri paesi andranno in dichiarazione OSS.

Può avvenire anche che vendite verso clienti italiani vadano dichiarate nell’OSS se sono state spedite da paesi esteri.

7 Vendite B2B

Le vendite intracomunitarie verso clienti business non rientrano nella nuova normativa e restano invariate, dovrà quindi essere emessa fattura senza IVA.

Le vendite possono essere ritenute B2B solo in presenza di un numero di P.Iva europeo valido del cliente, vale a dire che prima di emettere fattura bisogna verificare la validità della P.Iva nel registro VIES.

8 Dichiarazione OSS

Le dichiarazioni OSS hanno cadenza trimestrale e devono essere presentate entro un mese dalla fine del trimestre precedente. In pratica le scadenze saranno il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre di un anno.

Per le vendite intracomunitarie B2C dichiarate tramite l’OSS non sarà più necessario emettere una fattura.

9 Esempi applicativi

1) Attribuzione delle vendite alla soglia unica di 10.000€

2) Applicazione dell’IVA nel paese di partenza o di destinazione

10 Impostazioni ZonWizard

ZonWizard aiuta il venditore calcolando per ogni transazione la giurisdizione territoriale e l’IVA da applicare in base alla normativa e alle impostazioni inserite dall’utente per le vendite intracomunitarie.

Il tool fornisce l’indicazione della data in cui viene superata la soglia, ma questa informazione è riferita alle sole vendite Amazon. Se si utilizzano altri canali di vendita dovranno essere tenuti in considerazione nella determinazione della data di superamento. Attivando l’opzione di adesione al regime OSS il tool fornirà per ogni paese un riepilogo iva mensile nel quale saranno riportati gli imponibili e l’iva delle vendite che rientrano nel OSS separati dagli importi delle vendite che rientrano nella dichiarazione iva del paese.

11 Risorse utili

Guida OSS della commissione europea

Note esplicative sull’OSS della commissione europea

Leave a Reply